Uno straniero può godere del sistema sanitario italiano?

ospedale
Spread the love

La cittadinanza italiana ha benefici, ma uno straniero che è residente e ha un permesso di soggiorno può usufruire del Servizio Sanitario Nazionale senza alcun problema. Questo è senza distinzione per il trattamento che un cittadino italiano può ricevere. Tuttavia, come accennato prima, per godere del sistema sanitario è necessario ottenere la tessera sanitaria.
Questo è ottenuto attraverso l’Agenzia Sanitaria Locale. Per la registrazione, devi recarti nell’ufficio più vicino alla tua zona di residenza.

Cosa succede se non riesco a registrarmi come straniero nel sistema sanitario?

I cittadini stranieri il cui permesso di soggiorno non superi i tre mesi possono contare sul servizio sanitario offerto dal SSN. Questo sempre e quando pagano un biglietto, l’ammontare di esso è stabilito dalle Regioni e Province Autonome.
Un’altra opzione è optare per polizze assicurative con società private. Va notato che questi processi sono solo per i cittadini stranieri che hanno tutta la documentazione in ordine.
Allo straniero viene chiesto di elaborare l’STP per godere delle cure nell’ambulatorio del medico e delle emergenze primarie. Queste urgenze possono essere dovute a incidenti o malattie.
L’STP deve essere richiesto con una dichiarazione di indigenza, che deve certificare che la persona non ha risorse economiche sufficienti. Dura per sei mesi, tuttavia, può essere rinnovato. Questa documentazione dà accesso a tre servizi specifici:
• Trattamento ambulatoriale, sia urgente o meno, questo include quelli che devono essere continui a causa di malattie o incidenti, come ad esempio – bruciare trattamenti.
• Cure urgenti, in cui la vita del paziente può essere in pericolo o causare danni al corpo.
• Cure essenziali, come diagnosi o terapie, che sono precedenti di malattie che non rappresentano un pericolo immediato per la salute della persona, ma questo può causare danni nel tempo se non viene trattato efficacemente al momento opportuno.

La carta può essere libera, in casi specifici come
• Una persona che è disoccupata, con il permesso di rimanere chi è iscritto nelle liste di collocamento.
• Rifugiati che hanno accreditato lo status di rifugiato e la loro richiesta di asilo.
• Una persona sposata o responsabile di un cittadino italiano.
Un minore con genitori che risiedono in Italia o genitori che si trovano nei casi specifici sopra menzionati. http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?id=1764&area=Assistenza%20sanitaria&menu=stranieri

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *